PROMOZIONE: due su due sul campo

07-10-2018 16:22 -

CAMPIONATO PROMOZIONE QUALIFICAZIONE - GIRONE BERGAMO 1 - 2^ GIORNATA

TREVIOLO BASKET vs BASKET BREMBATE SOPRA 48 - 50

Brembate: Gambirasio C. 2, Mazzoleni 5, Magni, Zanchi 14, Alessio n.e., Bonfanti (K) 2, Capelli 11, Gambirasio A. 4 Roncoroni 8, Galbiati 3, Salvi, Marchetti 1; All: Bissola - Esposito - Alba

Treviolo: Bonacina 2, Mazzoleni, Pizzarelli 6, Pedrini 3, Paredi (K) 5, Viscardi 4, Ceresoli 9, Bettinelli 2, Viola 8, Bonfanti 2, Longobardi 2, Papini; All: Cattaneo

Note: falli di squadra: Brembate 12, Treviolo 17; Tiri liberi: Brembate 3/7, Treviolo 5; tiri da tre punti: Brembate 3/16, Treviolo 2. Palle perse Brembate: 32.

Arbitri: Bettera, Santoro

Parziali: 6-22, 13-7 (19-29), 15-9 (34-38), 9-12 (48-50)

Prossimo impegno: in casa vs Azzanese venerdì 12 ore 21:30.


Brembate questa sera deve portare a casa i due punti dopo la beffa ricevuta dal giudice sportivo. La prima partita in trasferta dell´anno si gioca a Treviolo. La partita è sentita visto la presenza di ben quattro ex, ci sono Pizzarelli, Bettinelli, Bonfanti e coach Cattaneo. Visti i tanti movimenti degli ospiti non si sa bene cosa aspettarsi ma c´è la consapevolezza che bisogna partire forte da subito. Oggi in casa BBS assistiamo all´esordio di Mazzoleni e alla prima convocazione per Alessio. A Brembate manca per infortunio Pinotti.

Si parte con il quintetto Gambirasio A., Roncoroni, Bonfanti, Zanchi e Capelli. I gialloverdi hanno una partenza incerta e faticano a carburare nei primi due minuti dell´incontro ma vale anche per Treviolo. Brembate riesce a sbloccarsi grazie ad un paio di canestri di Zanchi da sotto. Fino al termine del quarto è un monologo brembatese piazza un parziale di 22-6 nel quarto. In questi primi 10´ la vera differenza viene prodotta dalla difesa che concede davvero pochissimo ai padroni di casa. In attacco la squadra ragiona, prende buone iniziative e tiri in ritmo, non a caso tira con oltre il 60%. La sensazione al termine del primo periodo è che la differenza tra la due squadre sia enorme e che a breve la partita possa essere già chiusa.

I due quarti centrali della gara sono identici tra loro, con Brembate che cala completamente l´intensità a partire dalla difesa, che concede a Treviolo molto più di prima. La differenza è notevole, a partire dalla pressione che lascia passare la metà campo con più facilità. Lo si può notare anche dalla voglia di vincere le seconde palle che vanno quasi sempre nelle mani dei padroni di casa. Questa sufficienza la si nota ancora di più a rimbalzo difensivo dove una squadra poco fisicata e con pochi centimetri come Treviolo riesce a darci problemi. I dodici di coach Cattaneo grazie a questo e a tante altre piccole cose riescono a trovare fiducia e a poco a poco a rientrare in partita. Il cattivo lavoro in difesa si riflette anche in attacco, dove il BBS diventa lento e prevedibile. Inoltre i gialloverdi smettono completamente di attaccare il ferro. Si prendono un´enormità di tiri fuori ritmo e forzati limitando tantissimo le collaborazioni, elemento che nel primo quarto aveva fruttato tantissimo. Si arriva all´inizio dell´ultimo quarto sul punteggio di 34-38, quindi c´è partita vera adesso.

Il quarto quarto parte con Brembate che finalmente trona a difendere duro come dovrebbe sempre fare. A Treviolo finalmente vengono negati i rimbalzi offensivi come accadeva nel primo quarto. Anche la difesa a metà e a tutto campo sale d´intensità, facendo produrre ai padroni di casa diverse palle perse e altrettante forzature. In attacco va leggermente meglio ma si fatica lo stesso a segnare pur producendo delle migliori soluzioni. I gialloverdi riescono ad allungare fino a dieci lunghezze nel corso del quarto per poi riuscire a controllare fino alla sirena finale. La partita termina sul punteggio di 43-50 per Brembate. Ora testa ad Azzese dove ai brembatesi aspetta una partita vera e ci sarà bisogno del BBS del primo quarto per tutto il corso della gara. Ci aspettiamo settimana prossimo un palasport gremito e con il pubblico delle grandi occasioni per quello che sarà il big match della terza giornata.