CSI OPEN: Vittoria sofferta con Verdello

12-04-2022 15:38 -

CAMPIONATO CSI OPEN – 11^ GIORNATA DI ANDATA

BBS – BROWNIES VERDELLO 65 – 61

Brembate: A. Piazzalunga 6, S. Gualandris 2, M. Moussa 3, D. Ronchi 3, P. Rangeloni 2, D. Foresti 2, L. Donadoni 20, A. Morandi 4, M. Salmoiraghi 21, A. Alessio, D. Nava, A. Corti 2. All.: N. Alessio, L. Donadoni, S. Scioscia.

Arbitro: Musitelli.

Parziali: 20-20, 09-14 (29-34); 27-09 (56-43); 09-18 (65-61).

Note: Falli di squadra: Brembate 18 (D. Foresti uscito per 5 falli); Verdello 18 (M. Stefanoni uscito per 5 falli).

Prossimo incontro: Mercoledì 27 aprile alle 21:30 a Villa D’Adda.

Seconda partita contro Brownies Verdello nello spazio di 5 giorni a causa degli spostamenti dovuti alle conseguenze della pandemia e Nonostante si fosse vinto la prima gara a Verdello per 44 a 52, il risultato di questo secondo incontro è stato tutt’altro che scontato. Note speciali della serata: dopo tanti anni il ritorno sul campo di casa dopo tanti anni di Davide Nava e l’esordio con i colori brembatesi del grande Diego Ronchi, vecchia conoscenza dei campi di basket bergamaschi.

Primo quarto molto equilibrato, con Brembate tenuta in vita dalla coppia Donadoni – Salmoiraghi e Verdello dalla coppia Stefanoni – Ulivieri.
Nella seconda frazione di gioco si scatena il Brownies Longaretti, che con 8 punti consecutivi permette agli ospiti di portarsi avanti di 4 lunghezze.
Il rientro dall’intervallo lungo vede il migliore Brembate della partita: tante palle rubate trasformate in canestri, difesa attenta e velocità di esecuzione; tutto questo consente di allungare di tredici punti e, apparentemente, di mettere al sicuro il risultato, ma non sarà così.

Verdello, per nulla scoraggiato, rientra per l’ultima frazione di gioco con tanta voglia e cattiveria e recupera punto su punto portandosi al meno uno negli ultimi tre minuti.
E qui spunta la vecchia gloria e il talento di Diego Ronchi che piazza la tripla, e i primi punti con maglia brembatese, che taglia le gambe ai Brownies, seguito da Luca Donadoni che con estrema freddezza realizza quattro punti consecutivi su tiro libero.
Si chiude la partita con un sospiro di sollievo e il dovuto riconoscimento al valore degli avversari che non hanno mai smesso di lottare e che avrebbero meritato qualche soddisfazione in più.