26 Settembre 2020

Scontro al vertice

scritto da Pagelle il 13-12-2014
Scontro decisivo per la vetta della classifica prima della pausa natalizia.
Incontro attesissimo da entrambe le fila, non per deboli di cuore tant´è vero che Musitelli precedentemente designato ha dato forfait in favore di Velardo che ha permesso una gara molto fisica sotto canestro, un pò meno dall´arco. I giovani del Lussana, nonostante la differenza canestri, si sono presentati più agguerriti che mai, pronti a tutto per la vittoria, il che ha permesso il disputarsi di una buona gara. I gialloverdi pur avendo qualcosa in più dei locali non hanno espresso totalmente il loro potenziale tranne nei minuti finali dove con un buon break hanno
distanziato i diretti avversari in classifica portandosi sul +11 e chiudendo il match. C´è ancora da lavorare soprattutto per quanto riguarda l´ossigenazione della materia grigia ma la strada è quella buona e il gruppo è solido e compatto, con maestro yoda al seguito.

GUALANDRIS: 7,5
Buona prestazione per lui se non fosse per qualche fallo di troppo che lo costringono a stare in panca soprattutto tra terzo quarto e inizio del quarto. Le sue buone qualità dalla distanza sono sempre una buona ventata di ossigeno per i gialloverdi, pianto e stridore di denti per gli avversari. Non disdice al momento opportuno un assist del buon Espero, tagliando dietro le fila nemiche e appoggiando agevolmente al ferro. CECCHINO

BONFANTI: 6,5
Sopraffatto da dolori sin dall´inizio del match, probabilmente portati nello sterile spogliatoio dagli untori Roncoroni e Capelli, inneggia scuse per giustificare i mancati anticipi difensivi. Tenta più volte di infilare la palla nella retina ma riescono solamente due unità. Invece di masticare il pallone da
basket si rifà al Pozzo più tardi con un buon Bacon Burger. UOMOSCUSA

CAPELLI: 7
Esordisce durante il riscaldamento con un "Meno male che è Venerdì così domani dormo" che fa seriamente preoccupare i compagni, alcuni dei quali iniziano a pregare tutti gli dei della terra per avere il cape dominante di sempre e vincere la partita. Nonostante le preoccupazioni iniziali conduce una discreta partita nonostante gli errori da sotto e dalla lunetta dei primi quarti. Decisivo negli ultimi minuti dove da dimostrazione di grande agonismo, un pò meno nel fondamentale del passo e tiro su contropiede, insacca due cioccolatini sotto canestro serviti da Espero che, esaltato dall´amore cestistico tra lui e il buon Capelli, gli lascia un
segno d´amore sulla spalla che fa quasi commettere un omicidio al consorte. UNTORE 2

PREVITALI: 8
Si presenta in campo prima ancora che gli inservienti accendano le luci e comincia ad adattarsi a tabelloni e ferri infernali sin dal riscaldamento, segnale positivo che preannuncia la sua prestazione. Dopo un periodo di crescita durante gli scorsi match, soprattutto psicologica, arriva alla sua miglior prestazione dell´anno senza assumere ansiolitici e psicofarmaci. Concentrato, autore di una buona difesa, insacca con eleganza e sicurezza tant´è che i compagni di squadra lo guardano esterrefatti come un unto dal Signore. MVP

LOCATELLI: 7,5
E´ un buon Locatelli quello visto questa sera! Passato il periodo adattativo delle prime partite chiude con la miglior valutazione da inizio anno, complice lo spirito combattivo che lo ha pervaso durante ogni suo singolo minuto in campo. Dopo essersi
accertato dell´assenza di giornalisti e fotografi in tribuna, abbandona le sue pose da divo e rimane collegato al gioco come mai aveva fatto, sbagliando pochissimo e recuperando diversi palloni. REVENGE

RONCORONI: 7
E´ il dolce amaro della squadra. Dovrebbe essere illegale per la categoria e nonostante abbia portato più punti di tutti rimane dura per la squadra considerarlo come punto di riferimento a causa di scelte embolitiche durante la partita che lasciano dubbiosi i suoi compagni. Complice forse il paracetamolo produce una prestazione buona soltanto a sprazzi. La sorella, intervistata a fine gara, reputa terribile quella sottospecie di fascia sui capelli. UNTORE 1

TERRAGNI: 7
Primo Under portato in squadra, non delude le aspettative. Si presenta combattivo e con personalità. Viene visto come un elemento assolutamente positivo. Unico elemento negativo riscontrato è il ritorno a casa dopo la gara per andare a
studiare per una fantomatica certificazione di lingua. Speriamo almeno l´abbia ottenuta avendo rinunciato ai litri di birra con la squadra. IL GIOVANE

ESPERO: 7
E´ l´uomo assist della serata. Riesce a pescare i compagni in diverse situazioni ma rimane negativa la percentuale da sotto, realizzando solamente un canestro. Nel quarto quarto si accorge di avere solamente un fallo e, con la complicità del fratello del direttore Uci, comincia a mazziare di maledetto sottocanestro i poveri cuccioli avversari. Nonostante questo niente sangue per lui alla fine, il che lo lascia evidentemente deluso. In compenso rischia di buscarle da Savoldelli che, per niente contento di un paio di scelte degne quasi di Roncoroni negli ultimi minuti,
entra in campo e quasi lo prende giustamente a ceffoni. EMBOLO

MARCHETTI: 6,5
Nonostante abbia passato il consueto alcol-test prima del riscaldameto di Capitan Alba, sembra sia riuscito in qualche modo a modificarne l´esito e passare indenneil controllo poichè in campo sembrava pervaso dalla forza dionisiaca del Dio Bacco.
Perde qualche pallone di troppo ma cerca di risollevarsi con una discreta difesa. A fine serata, dopo circa due litri di birra doppio malto, mostra grande responsabilità e senso civico nel recuperare due compari che inneggiavano il suo aiuto. NEGRONI

ALBA: 6,5
Discreta prestazione del Capitano che soffre ovviamente il dinamismo dei giovani avversari, nonostante qualcuno ancora pianga per le botte che ha distribuito diligentemente sotto canestro. Nonostante ciò carica i compagni e li invita mostrando una mazza ferrata a mantenere la concentrazione, facendogli gentilmente
comprendere cosa sarebbe successo in caso di sconfitta. Ineccepibile nel dopo serata. CAVALLO

SAVOLDELLI: 9
Inesorabile a schierare i suoi contro gli avversari, alcuni dei quali conosceva bene. Legge bene la partita e gestisce in modo perfetto la squadra. Interessante la sua reazione sul finire della gare nei confronti di Espero, che quasi le prende di santa ragione per due errori a parere di Savoldelli (e giustamente) imperdonabili.

Realizzazione siti web www.sitoper.it